Cartoline

da MArte

“Quando attorno c’è silenzio, l’arte mette in comunicazione le persone”. Parola di Nicolas Berggruen

di Nicolas Berggruen

Il mecenate parigino racconta perché ha deciso di puntare su Venezia e sull’installazione di Sterling Ruby

Il filantropo Nicolas Berggruen, nuovo volto della scena culturale veneziana, descrive la città come un luogo di dialogo e connessioni nel segno dell’arte. Con la promessa di trasformare Palazzo Diedo – storico edificio acquistato dalla Nicolas Berggruen Charitable Trust ‒ in uno spazio dedicato alla creatività contemporanea. Il primo artista in residenza è l’americano Sterling Ruby, autore di un’installazione pluriennale che debutta il 20 aprile 2022.

BIO
Nicolas Berggruen (Parigi, 1961) è fondatore e presidente del Berggruen Institute e ne ha capitanato la crescita, affermando la sua presenza a Los Angeles, Pechino e Venezia. Focalizzandosi sulle grandi trasformazioni della condizione umana determinate da fattori come il cambiamento climatico, la riorganizzazione dell’economia e della politica internazionali, e i progressi della scienza e della tecnologia, l’Istituto cerca di collegare e sviluppare idee nel campo delle scienze umane con l’obiettivo di ottenere miglioramenti pratici della governance tra culture, discipline e confini politici.

Sterling Ruby (Bitburg, 1972) è un artista contemporaneo il cui lavoro è stato presentato in mostre personali in ogni parte del mondo. Famoso per la natura sfaccettata della sua attività, nei suoi interventi spazia dalla pittura alla ceramica, dal collage al video e alla fotografia, dai tessuti alla scultura e alle installazioni. La sua attività comporta una combinazione di indagine filosofica e ricerca sui materiali.

INFO
Sterling Ruby. A Project in Four Acts
dal 20 aprile 2022
BERGGRUEN ARTS & CULTURE – PALAZZO DIEDO
Fondamenta Diedo, Venezia

Foto cover: Sterling Ruby. Photo Bennet Perez, 2017

Articoli correlati

Iscriviti:
la nostra newsletter ti aspetta

Ricevi approfondimenti, interviste e aggiornamenti sul mondo dell’arte. Resta informato e iscriviti subito alla nostra newsletter C’è vita su MArte.

Registrandoti confermi di accettare la nostra privacy policy.