Libri

da MArte

Accettare le sfide della cultura: l’esempio di Bergamo e Brescia

di Luca Molinari

Capitali italiane della cultura 2023, Bergamo e Brescia sono protagoniste dei due volumi editi da Marsilio Arte e curati rispettivamente da Luca Molinari, insieme a Federica Rasenti, e da Alberto Ferlenga. Un colpo d’occhio sulla storia delle due città lombarde e sulle strategie culturali messe in campo per affrontare il domani in maniera consapevole. Abbiamo chiesto a Luca Molinari di raccontarci qualcosa in più

Condividi su
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook

BG/BS23 è un doppio viaggio tra architettura, comunità, paesaggio e fotografia che racconta Bergamo e Brescia tra passato, un’eredità novecentesca importante e le sfide per il futuro di due tra le più avanzate città del Nord Italia.
Curati da chi scrive e da Alberto Ferlenga, i due volumi offrono uno sguardo inedito sulla qualità diffusa nell’architettura e nei luoghi urbani di queste città provando a offrire un punto di vista originale che si appoggia ai lavori fotografici di grandi autori contemporanei come Gabriele Basilico, Giovanni Chiaramonte, Filippo Romano e David Rapp che offrono immaginari e punti di vista non tradizionali su due metropoli in profondo cambiamento.
Ogni volume presenta contributi critici originali e insieme sezioni tematiche che permettono di leggere con semplicità la storia urbana, i grandi progetti moderni e le architetture che verranno realizzate nei prossimi anni tra Bergamo e Brescia, che dopo il ruolo di Capitali italiane per la Cultura stanno vivendo una stagione importante di rinnovamento.
Nei ritratti delle due città lombarde si possono leggere i caratteri della città media italiana grazie alla costante cura per gli spazi di comunità, la relazione attiva con le sfide ecologiche e di sostenibilità future, la rigenerazione urbana come formula che abbandoni il consumo di suolo, l’idea di accoglienza per le nuove generazioni e di cultura come motore economico e sociale: tutti questi elementi fanno di queste città un modello a cui guardare per le sfide che l’Italia e l’Europa dovranno raccogliere nei prossimi anni.

Luca Molinari

 

© Davide Rapp

BIO
Luca Molinari (1966) è architetto, critico, curatore e professore ordinario di Teoria e progettazione architettonica presso l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. È stato direttore di M9 ‒ Museo del ’900 di Mestre.

Articoli correlati

Iscriviti, la nostra newsletter ti aspetta!

Ricevi C’è vita su MArte per rimanere aggiornato su mostre, eventi, artisti, libri.

Registrandoti confermi di accettare la nostra privacy policy.