Dialoghi

da MArte

Corpi mutanti, metamorfosi: la Biennale racconta un mondo dove si può diventare altro.

di Chiara Valerio

La scrittrice ed editor di Marsilio Chiara Valerio a tu per tu con Cecilia Alemani, curatrice della Biennale Arte 2022, in un podcast di Rai Radio 3

Questa intervista andata in onda su Rai Radio 3 il 19 marzo 2022 ‒ per il programma che conduco, L’isola deserta, e con il montaggio di Cettina Flaccavento ‒ è il quarto pannello del mio incontro con Cecilia Alemani, curatrice della 59esima Biennale Arte. 


Il primo pannello è un testo. Il suo. A corredo del catalogo per il padiglione Italia che Alemani ha curato nel 2017. Il padiglione era ispirato al Mondo Magico. C’era anche Ernesto De Martino dentro. Il mio, il suo, quello di tutti. Il secondo pannello è stato quando Alemani mi ha chiesto un testo per il catalogo di questa Biennale e io mi sono messa a studiare. Il terzo è stato una birra in campo Santo Stefano, la prima volta che ci siamo viste. Ho una foto, noi due che parliamo. Perché una mia amica, che passava di là, ha preso il telefono e mi ha regalato un ricordo. Un ricordo mio, in mano a un altro. Così, ho pensato, funziona in fondo la memoria esterna. O con gli hard-disk o con noi. Siamo sempre stati post-umani. E il quarto pannello, di questo polittico che non finisce, è l’intervista. Una conversazione mediata da un microfono. Una conversazione che parte e torna a Leonora Carrington. Che forse è il pannello zero dell’incontro con Alemani. Anche se non lo sapevo.

Chiara Valerio

BIO VALERIO
Chiara Valerio (Scauri,1978) Ha scritto romanzi, racconti, critica letteraria e teatro. Il suo ultimo libro è Così per sempre (Einaudi, 2022). Collabora con La Repubblica, L’Espresso, e Vanity Fair. Con Fabiana Carobolante e Jacopo de Bertoldi cura Ad alta voce di Radio 3 e, sempre per la stessa emittente, conduce, ogni sabato mattina, il programma L’isola deserta. Per la casa editrice nottetempo, ha tradotto e curato Flush, Freshwater e Tra un atto e l’altro di Virginia Woolf e Ti basta l’Atlantico? (Lettere tra Virginia Woolf e Lytton Stratchey con Alessandro Giammei).
I suoi libri e racconti sono tradotti in diversi Paesi. È la responsabile della narrativa italiana della casa editrice Marsilio. Ha un dottorato in Calcolo delle probabilità.

BIO ALEMANI
Cecilia Alemani (Milano, 1977) dal 2011 è direttrice e capo curatrice di High Line Art a New York. Nel 2017 ha curato il Padiglione Italia alla 57. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, intitolato Il Mondo Magico. Nel 2018 è stata direttrice artistica della prima edizione di Art Basel Cities e, prima di allora, ha collaborato come curatrice indipendente con musei e istituzioni internazionali.

INFO
59. Esposizione Internazionale d’Arte
Il latte dei sogni
dal 23 aprile al 27 novembre 2022
GIARDINI, ARSENALE, FORTE MARGHERA, Venezia
www.labiennale.org

Foto cover: Cecilia Alemani. Photo Andrea Avezzù. Courtesy La Biennale di Venezia

Articoli correlati

Iscriviti:
la nostra newsletter ti aspetta

Ricevi approfondimenti, interviste e aggiornamenti sul mondo dell’arte. Resta informato e iscriviti subito alla nostra newsletter C’è vita su MArte.

Registrandoti confermi di accettare la nostra privacy policy.